la vera storia del giovane “Tom MORRIS”e anche …

trailer
Ebbene lo visto, parlo del film che ripercorre la vera storia di “Old Tom Morris” e del figlio “young Tom Morris”, una storia di sport, di vero golf, e di amore; basti pensare alle innovazioni che hanno portato al golf, padre e figlio, partendo dalla più semplice, alla creazione della sacca da golf, per contenere i ferri, che prima si portavano tutti insieme nella mano, “GOLF CLUB” , per intenderci come viene visto nel film, e non solo TOM MORRIS (OLD) , ha disegnato più di 60 campi da golf, tra cui il famsoso “PRESTWICK ST NICHOLAS GOLF CLUB,” ( cui ho avuto il piacere di giocare, con le stessa emozione e con cui lo rivisto nel film ) , cui si tenne il primo Open Championship, e tanti altri famosi, tra cui Carnoustie, niente male per uno che aveva iniziato come caddie, e greenkeeper,
nasce a ST.Andrews, (Scozia), patria del golf, il 16 giugno del 1821;


in questa foto la casa del vecchio Tom Morris a St Andrews

ci lascia nel 1908 ad 86 anni il 24 maggio del 1908, lasciandoci in eredità la vittoria di ben 4 Open Championship 1861, 1862, 1864, 1867;
Il giovane Tom Morris , nasce il 20 aprile 1851, e ci lascia il 25 dicembre 1875 a soli 24 anni, distrutto dal dolore della perdita della moglie al parto, e del figlio mai nato; vinse 4 open championship 1868, 1869, 1870, 1872 , frutto dell’insegnamento paterno, e della voglia di emrgere in una società inglese legata alle classi e alle differenze , e nel film queste contraddizioni emergono in maniera netta e precisa, ma alla fine , la costanza e la tenacia del vecchio Tom Morris, porta il figlio nell’olimpo del golf, purtroppo scomparso prematuramente.
Il film non è doppiato in italiano, quindi vi dovete sforzare a seguirlo, (tranne per chi non ha problemi con la lingua inglese), e diretto dal figlio di Sean Connery, Jason, ed ha ottenuto numerosi riconoscimenti.
Vè lo consiglio, sopratutto per scoprire, lè novità che hanno portato al golf padre e figlio, io ho scoperto la sacca da golf, e voi??

marina dispoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*